RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Insider - Dietro la verità - Insider (The)

Regia:Michael Mann
Vietato:No
Video:Touchstone Home Video
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:Mass media
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Michael Mann, Eric Roth
Sceneggiatura:Michael Mann, Eric Roth
Fotografia:Dante Spinotti
Musiche:Pieter Bourki, Lisa Gerrard
Montaggio:William C. Goldenberg, David Rosenbloom, Paul Rubell
Scenografia:Brian Morris
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Al Pacino, Russell Crowe, Lindsay Crouse, Colm Feore, Gina Gershon
Produzione:Michael Mann, Pieter Jan Brugge
Distribuzione:Buena Vista
Origine:Usa
Anno:1999
Durata:

157'

Trama:

Jeffrey Wigand lavora come capo ricercatore e dirigente alla Brown & Williamson, azienda produttrice di tabacco. Quando decide di non poter più rimanere in silenzio di fronte alle manipolazioni cui assiste, Jeffrey viene messo di fronte ad una situazione irreversibile: o si adegua e resta o perde il posto. Licenziato, Jeffrey diventa il testimone chiave nella causa che lo stato del Mississippi ed altri 49 Stati intentano contro l'industria del tabacco. Tutto questo viene pagato a caro prezzo. Jeffrey prende contatti con Lowell Bergman, un giornalista della CBS sempre in cerca di esclusive. Lowell decide di combattere questa battaglia a fianco di Jeffrey e lo convince a registrare una intervista-verità all'interno della trasmissione di grande ascolto "60 minuti". Qui Jeffrey fa dichiarazioni piuttosto compromettenti e il giorno della messa in onda arriva dai vertici della CBS l'ordine di toccare il programma. Jeffrey viene lasciato dalla moglie; Lowell rimane isolato all'interno della redazione. Quando le cause legali vanno avanti e si arriva ad una prima sentenza che condanna i produttori di tabacco, la CBS fa marcia indietro. Ma a quel punto Lowell si licenzia. Ormai il caso è all'attenzione di tutti. E questo rappresenta già un successo.

Critica 1:La capacità e il coraggio di un cinema che si prende il suo tempo, che indugia sulle facce e sui particolari (le mani sempre in moto di Al Pacino, gli occhiali e i silenzi di Russell Crowe, un solitario, inquietante giocatore di golf nella notte, gli elementi ravvicinati di una camionetta di komeinisti) per raccontare i mondi distanti di due uomini, che si incrociano in nome di un ritrovato orgoglio. (...) The Insider non è un pamphlet, non è il solito film sociale: è un raro esemplare di grande cinema morale, di scavo atroce su quello che eravamo e quello che siamo diventati. Non ci sono alibi: come dice la moglie ad Al Pacino: "Devi sapere quello che vuoi fare prima di farlo". Ci riguarda tutti...
Autore critica:Emanuela Martini
Fonte criticaFilm Tv
Data critica:

29/02/2000

Critica 2:Primo obiettivo: l'industria del tabacco che smercia la droga nicotina, negando l'assuefazione e manipolandola con effetti gravissimi sul cervello e il sistema nervoso; secondo: la CBS che, di fronte a una intervista esplosiva sulla minaccia alla salute pubblica e il plusvalore delle sigarette, si rifiuta di mandare in onda lo scoop da 30 milioni di audience. Evviva il Wall Street Journal e New York Times, che riusciranno a bloccare il complotto, come, nella realtà, fu un articolo di "Vanity fair" a denunciarlo, provocando rimborsi per 240 milioni di dollari. Sulla base di una polemica reale, appena romanzata per reggere 2 ore e 35 di proiezione che scorrono di corsa, con montaggi ed emozioni paralleli e 7 Oscar all'orizzonte, Michael Mann ha fatto con The insider un film bello e vigoroso, stile cospiratorio-Watergate '70, su come le multinazionali controllano la nostra libertà di respirare e comunicare, oltre all'oltraggio della privacy. C'è poco da stare allegri, nonostante due eroi al prezzo di uno che vorremmo salvare per rallegrarci sia con un idealizzato, pensoso e misurato Al Pacino , una specie di Michele Santoro dell'informazione-spettacolo che non accetta censure, sia col bravissimo Russell Crowe, attore sensibile e diverso da tutti, candidato all'Oscar, scienziato delle sigarette licenziato e ricattato dall'industria del tabacco (le major sono dette i 7 nani) e redento alla buona causa, pur perdendo la famiglia. C'è di tutto e di più in questo racconto allarmistico e sfiorato da un mezzo happy end che non promette nulla. Si dirà: la multinazionale Disney accusa la CBS e i nicotina-trafficanti, bella forza, è un gioco di super potenze. Non scoppierà la rivoluzione, ma film coraggiosi come The insider servono a comunicare verità scomode con modi espressivi magistrali, dalla sceneggiatura al montaggio, senza rinunciare neppure al processo. Ci si sente con la coscienza a posto anche in platea. Ci sono momenti di tensione ideologica (l'assolo di Pacino crociato della libertà), di malinconia (la bella scena del golf notturno), di isterismo da quinto potere tv a tavolino, con qualche battuta di modernariato, come il Marcuse pronunciato Marcus.
Autore critica:Maurizio Porro
Fonte critica:Corriere della Sera
Data critica:

26/2/2000

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/12/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale