RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Dall’oggi al domani - Von Heute auf Morgen

Regia:Danièle Huillet; Jean-Marie Straub
Vietato:No
Video:Biblioteca Rosta Nuova
DVD:
Genere:Musicale
Tipologia:La musica
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Tratto dall’ opera omonima di Arnold Schönberg
Sceneggiatura:
Fotografia:
Musiche:Tratte dall'opera omonima di Schönberg
Montaggio:
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Claudia Barainsky, Ryszard Karczykewski, Richard Salter, Christine Whittlesey
Produzione:Max Schoendorff - Danièle Huillet, Jean-Marie Straub
Distribuzione:Non reperibile in pellicola
Origine:Germania
Anno:1997
Durata:

62’

Trama:

Trasposizione in film dell'opera comica dodecafonica "Von heute auf morgen" di Arnold Schonberg, ben resa dalle qualità recitative dei cantanti.

Critica 1:L'atto unico omonimo di Arnold Schönberg (1928) è l'occasione per un nuovo cimento dei due sperimentatori francesi con l'ostica ma affascinante musica del compositore viennese.
Autore critica:
Fonte criticafilm.spettacolo.virgilio.it
Data critica:



Critica 2:I maestri della lettura "totale" di un'opera preesistente sono comunque ancora una volta Jean-Marie Straub e Danièle Huillet che in Von Heute auf Morgen (già visto a Pesaro) si confrontano a oltre 20 anni dal Mosè e Aronne con un dramma musicale di Schönberg. Le novità d'approccio però sono notevoli: innanzitutto l'argomento: Von Heute auf Morgen, definita anche come "opera buffa", è una sorta di commedia drammatica borghese sul tema del tradimento coniugale (anche se forse il vero centro dell'azione è la ripulsa delle mode). In secondo luogo l'ambiente in cui il film è realizzato è uno spazio chiuso, uno "studio" nel quale è stata ripresa dal vivo e in diretta l'opera e quindi per la prima volta Straub e Huillet si sono confrontati con il problema dell'interpretazione del testo in un contesto scenografico e non naturale. Inutile dire come per questo non venga meno il principio di messa in scena come necessità formale dell'individuazione dell'unico punto di vista possibile di rappresentazione. L'immersione totale nell'opera, richiesta come sempre allo spettatore, è compensata dall'operazione di svelamento progressivo dei dettagli non "detti" che costruiscono il senso morale (antimoderno) dell'azione con una precisione registica che ricorda al tempo stesso Lubitsch e Dreyer.
Autore critica:Fabrizio Grosoli
Fonte critica:Cineforum n.367
Data critica:

9/1997

Critica 3:(…) folgorante è apparso Von Heute auf Morgen (Dall'oggi al domani) che Jean-Marie Straub e Daniele Huillet hanno tratto dall'opera in un atto di Arnold Schönberg. Dove, aldilà della messa in scena del dissidio amoroso di una notte tra due agiati coniugi presi da vani interessi extraconiugali, resta potente l'idea di una rappresentazione d'interno in cui astrazione dei sentimenti e fuga dallo scorrere del tempo sembrano coincidere in una messa in scena insolitamente "necrologica". L'occlusione degli spazi d'interno e l'incidenza di una scenografia stranamente irrigidita per il cinema di Straub-Huillet (è del resto la prima volta che i due autori girano in uno studio) danno l'impressione di una rappresentazione in cui il tempo è bloccato, compresso nell'attimo di una evoluzione fulminea dei sentimenti, governato da uno scorrere gratuito che del resto non coinvolge nulla della realtà. E l'idea di una borghesia vanamente antistorica, rappresentata attraverso un tempo che scorre fulmineamente, circoscritto nell'arco di una sfera privata, senza del resto nulla mutare davvero neppure nei sentimenti messi in gioco con vana rabbia.
Autore critica:Massimo Causo
Fonte critica:Cineforum n. 365
Data critica:

6/1997

Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 09/04/2008
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale