RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Quando sei nato non puoi più nasconderti -

Regia:Marco Tullio Giordana
Vietato:No
Video:
DVD:01
Genere:Drammatico
Tipologia:Diventare grandi, Infanzia di ogni colore
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Dal romanzo omonimo di Maria Pace Ottieri
Sceneggiatura:Sandro Petraglia, Stefano Rulli, Marco Tullio Giordana
Fotografia:Roberto Forza
Musiche:
Montaggio:Roberto Missiroli
Scenografia:Giancarlo Basili
Costumi:Maria Rita Barbera
Effetti:Fabrizio Pistone
Interpreti:Alessio Boni (Bruno), Michela Cescon (Lucia), Rodolfo Corsato (Popi), Matteo Gadola (Sandro), Ester Hazan (Alina), Vlad Alexandru (Toma Radu), Marcello Prayer (Tore), Giovanni (Martorana Barracano), Andrea Tidona (Padre Celso), Adriana Asti (Giudice), Lola Peploe (Nigella), Simonetta Solder (Maura), Fuschia Katherine Sumner (Diana), Mohamed Nejib Zoghlami (Mohammed), Fall Diop El Hadji Iba Hamet (Ndjaie), Kubiwimania George Valdesturlo (Samuel), Sini Ngindu Bindanda (Clochard)
Produzione:Riccardo Tozzi, Marco Chimenz, Giovanni pCattleya, Raicinema, Babe, Once You Are Born Films
Distribuzione:01 Distribution
Origine:Francia, Gran Bretagna, Italia
Anno:2005
Durata:

115'

Trama:

Sandro ha dodici anni e una vita spensierata in una piccola cittadina di provincia. Un giorno, durante un viaggio in barca nel Mediterraneo con il padre, cade in acqua e non riescono a raggiungerlo prima che sparisca tra le onde. Viene ripescato da uno scafo su cui sono imbarcati dei clandestini che fanno rotta verso l'Italia, sperando in una vita migliore e nel miraggio di un lavoro per poter mantenere le loro famiglie. Tra gli emigranti ci sono due fratelli rumeni, Radu e Alina. Hanno la stessa età di Sandro e tra i tre ragazzi si stringe un rapporto che somiglia sempre più ad un'amicizia, nonostante le diversità e la lingua diversa. Sandro si sente vicino a loro, e soprattutto ad Alina, così bella ai suoi occhi di adolescente. E' l'età adulta che irrompe nella sua vita, mostrandogli lo squallore e la crudezza della realtà e costringendolo a guardare il mondo con occhi diversi...

Critica 1:Noi e loro. i cittadini del mondo ricco e i nuovi barbari. accoglienza e rifiuto. solidarietà e diffidenza. Tolleranza e razzismo. Ospitalità e disprezzo. Sono solo alcune delle dicotomie che sostentano e sostengono quasi tutto il cinema italiano che mette in scena, romanza, rappresenta il contraddittorio rapporto tra la nostra società, la nostra psicologia, la nostra cultura e gli “alieni“: i migranti, i clandestini, gli ‘altri” che arrivano mossi, per lo più, dalla povertà, dal bisogno, dalla disperazione. Il fenomeno non è più inedito e quelle dicotomie non bastano più a spiegare, analizzare o semplicemente a nominare un malessere, un reciproco spiazzamento, a fluidificare una forma narrativa. Quel fenomeno ha prodotto una massa, un fiume di immagini di cronaca e molte immagini cinematografiche che hanno saturato gli interstizi della nostra memoria visiva. È un dato acquisito. Una constatazione. Una consapevolezza cinematografica. Una retorica vincolante e alla quale, però, si dovrebbe sfuggire. Un bravo e serio regista come Marco Tullio Giordana e due valenti sceneggiatori come Sandro Petraglia e Stefano Rulli in alcune scene del film, in alcuni dialoghi, nel colorare alcuni personaggi, nel risolvere alcuni contrasti non sono riusciti a elaborare bene quelle dicotomie o a superarle. Dopo la nave schiacciata dal peso dei moderni naufraghi nelle sequenze da Apocalisse de Lamerica di Gianni Amelio, la carretta del mare nigurgitante facce attonite, buste di escrementi, ghigni strafottenti, mele marce, con due squallidi Caronti; due manovali del crimine che trasportano miserabili e riportano in Italia e alla sua vita agiata Sandro, un ragazzo bresciano di dodici anni, caduto incidentalmente in mare durante una crociera con suo padre nel Mediterraneo non aggiunge senso al già noto e visto. Quel viaggio di ritorno e la sosta nel Campo dove sono sistemati i boat-people sono le parti più deboli del film dopo un avvio abbastanza convincente nella fabbrica multietnica del padre (Boni) del ragazzo, nella quotidianità benestante di una ricca città di provincia e nelle acque scure che inghiottono Sandro. Prima di avere un’anima adulta il giovane protagonista capisce che l’amicizia è un lusso che non tutti possono permettersi e che integrazione e convivenza sono nient’altro che due belle parole.
Autore critica:Enrico Magrelli
Fonte criticaFilm Tv n. 20
Data critica:

2005

Critica 2:Sul bordo di un’aiuola spartitraffico, Sandro (Matteo Gadola) e Alina (Ester Hazan) siedono uno di fianco all’altra. Lui l’ha appena ritrovata nella miseria di uno dei molti luoghi dove si addensano le vite dei migranti. I due si sono guardati in silenzio, lei vergognandosi della sua condizione, lui vergognandosi della sua vergogna. E ora sono qui, nel buio della sera, in mezzo al traffico indifferente della periferia milanese: Alina con la giacca di Sandro sulle spalle, e Sandro ormai sicuro che, appunto, Quando sei nato non puoi più nasconderti Il film di Marco Tullio Giordana si chiude su questa immagine di smarrimento e attesa. Fino a poche sequenze prima, gli sceneggiatori Sandro Petraglia e Stefano Rulli hanno raccontato una storia prevedibile. Inusuali son stati la caduta in mare, l’arrivo della barca carica di migranti, l’incontro con Alina e con Radu (Vlad Alexandru Torna). Ma poi, tra ignobili mercanti di esseri umani e campi cosiddetti d’accoglienza, ben poco abbiamo visto che già non conoscessimo.
D’altra parte, Quando sei nato non puoi più nasconderti si è aperto su un’immagine e su una condizione così poco prevedibili, da essere spaesanti. Nel centro di Brescia, Sandro è incuriosito da un africano che urla frasi incomprensibili. Gli si avvicina, un po’ per curiosità e un po’ per una solidarietà spontanea. Quello, disperato, tenta di dirgli qualcosa, ma per lui le sue parole non sono che suoni misteriosi. Solo più tardi, tra i migranti ammassati nel centro di raccolta, ne scoprirà la natura e il senso, che è poi lo stesso del titolo del film.
Ciò che segue, per quanto inusuale, non è spaesante come invece quell’inizio. Anzi, sembra che la sceneggiatura, passo per passo, voglia portarci attraverso un immaginario noto, oltre che tragico. Così, la barca su cui stanno a decine i migranti non è che una delle molte che arrivano sulle nostre coste, se prima non si sono inabissate nel Mediterraneo. La macchina da presa ce ne mostra la precarietà e l’angoscia, versione aggiornata dell’antica “nave dei folli. Ma chi tra noi può dire di stupirsene davvero?
Poi, Giordana racconta una follia diversa, sistematica: quella dei corpi ammassati nel centrò di raccolta, divisi tra maschi e femmine come accadeva, un tempo non lontano, stanno a decine i migranti non è che una delle molte che arrivano sulle nostre coste, se prima non si sono inabissate nel Mediterraneo. La macchina da presa ce ne mostra la precarietà e l’angoscia, versione aggiornata dell’antica “nave dei folli”. Ma chi tra noi può dire di stupirsene davvero?
Poi, Giordana racconta una follia diversa, sistematica: quella dei corpi ammassati nel centro di raccolta, divisi tra maschi e femmine come accadeva, un tempo non lontano, nel rito tristo dei campi di concentramento. Ma anche questo è, o dovrebbe essere, un luogo ben noto al nostro immaginario. Noto almeno quanto i volti stanchi e umiliati dei migranti che vi sono rinchiusi.
Insomma, fin qui non ci pare che Quando sei nato non puoi più nasconderti vada oltre una ricognizione dei troppi motivi di pubblica vergogna che gravano su di noi, da anni. Né ci sembra che aggiunga molto la vicenda dei genitori di Sandro. Il mondo di Lucia (Michela Cescon) e di Bruno (Alessio Boni) non ci sorprende. Non ci sorprende la lord ricchezza tranquilla, probabilmente egoista. Nemmeno ci sorprende il capovolgimento repentino del loro atteggiamento nei confronti di Radu e d Alina, se non proprio di tutti I “folli” che, come loro, hanno attraversato il mare. Come in una favola bella, i due rumeni hanno salvato il loro Sandro. Come potrebbero non essere riconoscenti? E come potrebbero denunciarli, per quanto quelli li derubino?
E tuttavia la regia e la sceneggiatura non mirano ad alcun trionfo della nostra buona coscienza. Anzi, sospettiamo che, uno dopo l’altro, vogliano illustrarcene i luoghi comuni, per arrivare a confutarne la prevedibilità. Sospettiamo inoltre che Quando sei nato non puoi più nasconderti non intende raccontare una favola bella ma voglia seguire Sandro nella sua crescita morale, fino alla riscoperta di quella dimensione spaesante da cui la storia ha preso inizio.
E infatti, esaurite tutte le “possibilità” della favola, confutata l’attendibilità d’un lieto fine, al centro del film resta proprio solo Sandro, di fronte al “destino” di Alina. Per arrivare fino alla ragazzina, ha dovuto fare un lungo viaggio non solo attraverso il Mediterraneo, non solo attraverso la sua ovvia, tranquilla dipendenza dai genitori, ma soprattutto attraverso la propria coscienza. Insomma, è dovuto crescere,. ha: dovuto imparare una “lingua” del tutto nuova, lontana da quella familiare, e probabilmente egoista, del mondo in cui è nato.
Ora è qui, con Alina, seduto sul bordo di uno spartitraffico. Non c’è più luogo comune che lo attenda, non ci sono più favole che lo consolino. C’è però in lui la scoperta del diritto e del dovere di non nascondersi, una volta che si sia nati. Ossia: di decidere, d’essere responsabile di fronte alla “folla”. Seduto nel buio, perso in una periferia insensata, non più un adolescente, ma un uomo.
Autore critica:Roberto Escobar
Fonte critica:Il Sole-24 Ore
Data critica:

22 /5/2005

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Quando sei nato non puoi più nasconderti
Autore libro:Maria Pace Ottieri

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 12/31/2007
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale