RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Mago di Oz (Il) - Wizard of Oz

Regia:Victor Fleming
Vietato:No
Video:Warner
DVD:Kfl Music
Genere:Fantastico
Tipologia:Storia del cinema
Eta' consigliata:Scuole elementari; Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Tratto dal romanzo The Wonderful Wizard of Oz di L. Frank Baum
Sceneggiatura:Noel Langley, Florence Ryerson, Edgar Allan Woolf
Fotografia:Harold Rosson
Musiche:Herbert Stothart, Harold Arlen
Montaggio:Blanche Sewell
Scenografia:Malcolm Brown
Costumi:Adrian
Effetti:A. Arnold Gillespie
Interpreti:Judy Garland (Dorothy Gale), Frank Morgan (Professor Meraviglia/Mago), Ray Bolger (Hunk/Spaventapasseri), Bert Lahr (Zeke/Leone), Jack Haley (Hickory/Uomo di latta), Billie Burke (Glinda/Strega buona), Margareth Hamilton (Miss Gulch/strega cattiva), Charles Grapewin (zio Henry), Clara Blandik (zia Em)
Produzione:Mervin Le Roy per MGM
Distribuzione:Cineteca Antoniana - Cineteca dell’Aquila
Origine:Usa
Anno:1939
Durata:

100'

Trama:

La piccola Dorothy si crede infelice, scappa da casa e capita nel fantastico paese di Oz dove fa una serie di strani e meravigliosi incontri finché capisce che, in fondo, a casina sua nel Kansas sta benone. Ma questa è la morale del romanzo di Lyman Frank Baum più che del film che, invece, suggerisce il contrario: nel mondo meraviglioso di Oz senza la Strega Malvagia Dorothy starebbe benissimo. Belle canzoni (un Oscar per l'adattamento musicale di Herbert Stothart e uno per la canzone "Over the Rainbow" che è ancora in repertorio), un ottimo lavoro di scene e costumi, umorismo, immaginazione e, in una squadra di eccellenti interpreti, una bravissima J. Garland che, nonostante i suoi sedici anni, è un'attendibile Dorothy undicenne, sono le carte vincenti di questo classico hollywoodiano del cinema per famiglie che in Italia ebbe scarsa risonanza soltanto perché uscì con molti anni di ritardo, dopo la guerra.

Critica 1:La piccola Dorothy si crede infelice, scappa di casa e capita nel fantastico paese di Oz dove fa una serie di strani e meravigliosi incontri finché capisce che, in fondo, a casina sua nel Kansas sta benone. Ma questa è la morale del romanzo di Lyman Frank Baum più che del film che, invece, suggerisce il contrario: nel mondo meraviglioso di Oz senza la Strega Malvagia Dorothy starebbe benissimo. Belle canzoni (un Oscar per l'adattamento musicale di Herbert Stothart e uno per la canzone "Over the Rainbow" che è ancora in repertorio), un ottimo lavoro di scene e costumi, umorismo, immaginazione e, in una squadra di eccellenti interpreti, una bravissima J. Garland che, nonostante i suoi sedici anni, è un'attendibile Dorothy undicenne, sono le carte vincenti di questo classico hollywoodiano del cinema per famiglie che in Italia ebbe scarsa risonanza soltanto perché uscì con molti anni di ritardo, dopo la guerra.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini - Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:In questo film (. ..) la ragazza protagonista passa da un mondo grigio di contrarietà e di noia, in bianco e nero, ad un mondo di colori meravigliosi, dove segue una strada d'oro per arrivare ad una città di smeraldo, appunto il regno di Oz. Lei lì scoprirà, grazie alle parole del mago, che è
tutto finzione (come il cinema), ma ciò le servirà a capire la verità nascosta della realtà, che «non c'è alcun posto come casa propria»; e dunque era inutile desiderare questa evasione nel sogno. Però ( ... ) l'idea, esplicitata da Dorothy nel finale, è forse la meno convincente dei film. Perché il sogno della partenza vi compare altrettanto forte di quello del ritrovamento delle proprie radici. Nella «gioia dell'andar via», del lasciare il grigiore ed entrare nel colore» che Il Mago di Oz comunica, sta, forse, il segreto di tutto il cinema americano.
Autore critica:Roberto Campari
Fonte critica:I miti del cinema americano, in Storia dei cinema mondiale - Gli Stati Uniti, Einaudi
Data critica:

1999

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Mago di Oz (Il)
Autore libro:Baum Lyman Frank

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 08/30/2008
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale