RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Libera, amore mio! -

Regia:Mauro Bolognini
Vietato:No
Video:Golden Video, Deltavideo, Video Club Luce
DVD:
Genere:Drammatico - Politico
Tipologia:La condizione femminile
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Luciano Vincenzoni
Sceneggiatura:Nicola Badalucco, Mauro Bolognini, Luciano Vincenzoni
Fotografia:Franco di Giacomo
Musiche:Ennio Morriconi
Montaggio:Nino Baragli
Scenografia:Guido Josia
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Tullio Altamura, Claudia Cardinale, Adolfo Celi, Bruno Cirino, Bekim Fehmiu, Philippe Leroy, Rosalba Neri
Produzione:Roberto Loyola per R.Loyola Cinematografica
Distribuzione:Istituto Luce
Origine:Italia
Anno:1973
Durata:

110'

Trama:

Zanoni Matteo vive a Roma insieme a Libera-Anarchia Valente, dalla quale ha avuto due figli: Carlo e Anna. La donna, figlia di un anarchico esiliato a Ustica dal fascismo, non è capace di tacere e, prima di finire a sua volta al confino per 5 anni, si fa spedire con la famigliola a Livorno e poi a Modena, ove viene presa di mira dal commissario politico Franco Testa. Scoppiata la guerra, Matteo cerca di tirare avanti in qualche modo trasferendosi a Padova. Carlo fattosi giovincello, milita nella Resistenza; Libera fornisce armi ai partigiani. Diversi compagni muoiono nelle rappresaglie o nelle sommarie e brutali esecuzioni dei nazifascisti. Finita la guerra, Carlo stesso libera la mamma dalla prigione padovana ove è finita. Ricostruita la famigliola, Libera scopre che il Testa siede nuovamente nell'ufficio alloggi del municipio. Sollevate inutili proteste, ella cade per strada sotto i colpi di un cecchino fascista.

Critica 1:Giunto con molto ritardo sugli schermi (non sappiamo bene perché), il film cerca una sua originalità nell'aggiornare il consueto tema resistenziale alla luce delle nuove istanze del femminismo, puntando sul ritratto di una donna che si batte per i propri diritti oltre che per i valori della libertà.
Autore critica:A. Bernardini
Fonte criticaLa rivista del Cinematografo
Data critica:



Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/08/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale