Cinema Rosebud Reggio Emilia

Home Novembre 2014 Gioventù bruciata (nuova data)
La sala
La programmazione
Le rassegne

Gioventù bruciata (nuova data)

Data di ultima modifica 11/11/2014
Data: 10/11/2014, 24/11/2014
Orario: 21.00
Rassegna: CinemaRitrovato_Nov2014
Regia: Nicholas Ray
Origine: USA, 1955 Durata: 111' v.o. sott. ita

in collaborazione con Cineteca di Bologna

Rebel without a Cause resta la rappresentazione hollywoodiana più emblematica della gioventù moderna (gli italiani e altri europei avevano già compiuto questa ricognizione), non più incarnata dalle presenze stereotipate di Shirley Temple e Mickey Rooney, ma da creature fragili, tormentate e disorientate, sulla soglia dell'età adulta. Nessun altro film seppe addentrarsi così tanto in questa tematica. [...] I giovani attori trovarono nel regista un'anima affine che li capiva e che sapeva vedere nell'onore e nella dignità le caratteristiche salienti - già oltre la portata delle persone più anziane - della loro generazione. Il ritratto che Nicholas Ray fece di James Dean (e naturalmente di Natalie Wood e Sal Mineo) era plausibile e trattava con irriverenza i precetti dell'Actors' Studio. Non a caso, contrariamente a Kazan e a Stevens, Ray fu il solo a non lamentarsi del carattere di James Dean. Il film traeva la propria verosimiglianza dalla ricerca antropologica, sempre cara a Nicholas Ray. Ma non avrebbe potuto conquistare il rango di verità eterna senza il CinemaScope (nel glorioso formato 2.55:1) e il colore (ricordiamo che il film fu girato per dieci giorni in bianco e nero prima che la Warner Bros. decidesse il passaggio al colore): lo testimoniano già i primi sensazionali minuti nella stazione di polizia. La messinscena è fondamentale in questo sottile e improbabile melodramma condensato in ventiquattro ore. [...] Ma le parole più eloquenti restano quelle di François Truffaut, che considerava James Dean un eroe baudelairiano: "In James Dean i giovani d'oggi si ritrovano completamente, e più che per le ragioni che si citano di solito, violenza, sadismo, frenesia, malvagità, pessimismo e crudeltà, per altre infinitamente più semplici e quotidiane: pudore dei sentimenti, fantasia in ogni occasione, purezza morale senza rapporti con la morale corrente ma più rigorosa, gusto inestinguibile dell'adolescente per la competizione, ebbrezza, orgoglio e rimpianto di sentirsi 'fuori' della società, rifiuto e desiderio di integrarsi e infine accettazione - o rifiuto - del mondo come è". (Peter von Bagh)

 

Ingresso: Intero 5,00 euro - ridotto euro 4,00