Cinema Rosebud Reggio Emilia

Home La ripresa (in)finita

La ripresa (in)finita

Data di ultima modifica 18/02/2013
Data: 18/02/2013
Orario: 21.00
Rassegna:

lunedì 18 febbraio ore 21.00
incontro con

Mateo Zoni
(regista)

la ripresa (in)finita

Il piano sequenza resiste dai tempi dei Lumiére, una ripresa che da sola forma un'intera sequenza cinematografica. In poche parole: nel tempo invisibile che scorre dietro le quinte, dietro ogni taglio di montaggio (lì dove una scena si interrompe e ne incomincia un'altra) passano minuti, ore, anni. Ciò che avviene invece, durante una ripresa "lunga", accade solo in quel momento, in quel luogo e in quel tempo. Nella lezione si "smonteranno" alcuni piani sequenza classici e contemporanei, scelti tra i più necessari alla misura e al respiro del film in questione. Un pretesto per parlare del linguaggio del cinema con una tecnica che, fingendo, ci racconta la verità così com'è.


 

MATEO ZONI, (Parma, 1979) ha diretto nel 2001 il documentario Fassbinder: dritto al cuore di Alexanderplatz, prodotto e trasmesso da Rai-Sat Cinema. Tre anni dopo dirige Rashomon o della verità, commissionato dal Centro Cultural de Belém, legato alla messa in scena della pièce teatrale Rashomon di Rynosuke Akutagawa, allestita da una compagnia di contadini in un villaggio rurale portoghese. Ha quindi realizzato Hanna Schygulla vede Hanna Schygulla, un’intervista in cui la grande attrice, vera musa ispiratrice di Rainer Werner Fassbinder, col quale ha realizzato più di venti film, riflette sulla sua vita e carriera.
Nel 2007 ha diretto il cortometraggio Quando arrivano le vacanze. Nel 2011 ha collaborato con Gianni Amelio nel film Il primo uomo, dal libro incompiuto di Albert Camus. Il suo lungometraggio d’esordio, Ulidi piccola mia, in concorso al 29° Torino Film Festival, prodotto da Indigo Film, Solares Fondazione delle Arti è uscito nelle sale italiane il 4 maggio 2012, distribuito da Cinecittà Luce.

Ingresso: libero