Cinema Rosebud Reggio Emilia

Home L'officina visionaria 2018-2019_testo introduttivo

L'officina visionaria 2018-2019_testo introduttivo

Data di ultima modifica 13/07/2018

Sta per prendere il via la diciassettesima edizione di “L’officina visionaria”. Quando l’Ufficio Cinema del Comune ha iniziato questo progetto – nel lontano e tanto “cinematografico” 2001 – il mondo della programmazione cinematografica e della fruizione dei film era diversissimo. In questi 18 anni hanno preso piede le multisale, con la loro offerta uniforme, omologata e commerciale; molti cinema monosala hanno chiuso; si è passati dalla pellicola al digitale; i giovani non riescono più a capire la differenza tra la visione privata di un film, spesso tramite un pc o un lettore dvd, e quella sullo schermo di una sala cinematografica; il pubblico più giovane è sempre più abituato a scaricare film dal web in modo acritico e compulsivo. In tutte le tavole rotonde del settore viene ribadita l’importanza della formazione di un nuovo pubblico per il futuro. Una missione, questa, fondamentale per l’esercizio cinematografico, senza la quale il cinema in sala non ha un futuro.

Per il ciclo “L’officina visionaria”, dedicato espressamente al pubblico di giovani e giovanissimi, 101.502 studenti e 8.264 insegnanti hanno partecipato alle proiezione di 549 titoli dal 2001 al 2018. Scusate ma sono dati di cui essere fieri.

Oltre ai film che troverete nelle nostre proposte per il 2018-2019, vi ricordiamo che siamo sempre disponibili ad organizzare proiezioni extra di film in uscita, prime visioni oppure film di storia del cinema.
Per suggerimenti o per informazioni scrivere a
sandra.campanini@comune.re.it

 

“L’OFFICINA VISIONARIA” 2018-2019

 

Lunedì 22 ottobre 2018 prenderà il via il nuovo ciclo di appuntamenti di “L’officina visionaria”, il programma di proiezioni cinematografiche ed educazione visiva, ormai giunto alla sua sedicesima edizione, che il Cinema Rosebud del Comune di Reggio Emilia propone al mondo della scuola. Nato in corrispondenza dell’anno scolastico 2001-2002, “L’officina visionaria” si è costituito come un progetto allo stesso tempo didattico e culturale, pensato per le scuole di ogni ordine e grado, con l’intento di promuovere la cultura cinematografica tra gli allievi in modo partecipativo e creativo, facendo del cinema un luogo-laboratorio di costruzione, ricerca, pensiero, crescita e apprendimento da realizzarsi attraverso l’uso dell’immagine e l’azione del guardare e privilegiando una modalità di visione collettiva, insieme agli insegnanti e ai compagni di classe.
La risposta delle scuole reggiane, nel corso degli anni, non ha fatto che confermare la validità e il successo dell’iniziativa con un alto numero di giovani e giovanissimi partecipanti alle proiezioni, accompagnati da insegnanti che si sono sempre dimostrati particolarmente attivi e interessati alla qualità delle opere proposte e al coinvolgimento delle loro classi. Il progetto, oggi, assume un significato particolare anche di fronte ai tagli alla spesa pubblica che stanno interessando sia il mondo della scuola che quello delle attività culturali in generale, mettendo l’accento sul valore di una cultura pubblica, partecipata e condivisa.
La programmazione di quest’anno, che proseguirà fino a giovedì 21 febbraio 2019, comprende 25 film di qualità – tre dei quali parte del progetto Cinema & salute realizzato, come ogni anno, in collaborazione con l’Usl – più una mattinata speciale per gli studenti delle scuole superiori di secondo grado dedicata ai cortometraggi del Reggio Film Festival (tema di quest’anno “Specchio/Mirror”).
Nella selezione di “Officina” 2018-2019, che come sempre privilegia soprattutto le uscite più recenti, non mancano i film di animazione, alcuni particolarmente originali nella realizzazione come Peter Rabbit, I Primitivi e L’isola dei cani; altri, dedicati ai più piccoli, che si contraddistinguono per la bellezza e la poesia delle storie, come Il Gruffalò, Stick Man e La Strega Rossella. Anche quest’anno un’attenzione particolare è stata dedicata alle tematiche dell’ecologia e della tutela dell’ambiente con il magnifico Earth-Un giorno straordinario e Una scomoda verità 2, dedicati uno alla stupefacente ricchezza della vita sula Terra, l’altro all’impatto dei mutamenti climatici provocati dall’uomo sulla sopravvivenza stessa del pianeta.
Per i più grandi, poi, tre opere d’autore: il bel film di Luca Guadagnino, premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale, dal titolo Chiamami col tuo nome – consigliato per gli studenti dell’ultimo biennio delle scuole secondarie di secondo grado–, Lazzaro felice di Alice Rohrwacher e Ready Player One – per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado –, ultima creazione fantascientifica del grande Steven Spielberg.
Si può notare, nella programmazione di quest’anno, un buon numero di storie “al femminile”: protagoniste ragazze in lotta per affermare la loro identità contro la tradizione (Cosa dirà la gente e Due sotto il burqa), o alle prese con l’inizio della vita adulta e la precarietà delle amicizie (Questi giorni); una ragazzina discriminata dal bullismo che viene aiutata da tre magiche compagne di viaggio nella ricerca del padre scomparso (Nelle pieghe del tempo), streghe buone e streghette ribelli (La Strega Rossella, Mary e il fiore della strega), una donna che mette a rischio la propria vita per nascondere e salvare abitanti del ghetto della persecuzione nazista (La signora dello zoo di Varsavia, che proietteremo, oltre a Un sacchetto di biglie, per il Giorno della Memoria.)
Anche questa nuova edizione di “L’officina visionaria” presenta tre film nell’ambito di Cinema & salute, un progetto di divulgazione su argomenti rilevanti per la salute collettiva nato dalla collaborazione tra l’Azienda USL e il Comune di Reggio Emilia e già portato avanti con successo negli anni passati. I temi di quest’anno saranno “Alimentazione sana e consapevole” con la proiezione di Food Coop, interessantissimo documentario sull’esperienza americana, che si sta diffondendo anche in Europa, dei supermercati autogestiti, “Emozioni e relazioni”, con il film Questi giorni, protagoniste quattro ragazze on the road, e “Il lavoro e i rischi lavorativi” con Apnea, un noir ambientato nel Nordest italiano che porta alla luce le piaghe della ricerca del profitto senza scrupoli, della precarietà e del lavoro in nero.

Si segnala come sempre la possibilità di consultare all’indirizzo www.municipio.re.it/catalogofilm il catalogo video telematico, aggiornato di anno in anno, che comprende film in videocassetta e in DVD, disponibili per il prestito presso la Biblioteca Panizzi e le locali Biblioteche decentrate.