Chi siamo
19/01/2017

Fugge dopo aver provocato un tamponamento a catena, la municipale alla ricerca di una Opel Corsa

Nel 2016 gli uomini di via Brigata Reggio hanno rintracciato quasi due terzi delle vetture in fuga

 

Si stringe il cerchio attorno alla conducente che sabato scorso ha innescato un tamponamento a catena su viale Piave per poi darsi alla fuga senza verificare le condizioni dei feriti. L'incidente è avvenuto alle 13.00 dello scorso 14 gennaio, all'altezza del civico 47. Una Opel Corsa è piombata sul traffico dell'ora di punta e ha innescato un tamponamento con altre due auto, una Peugeot e una Dacia. Nonostante la carambola e una vistosa perdita di liquidi dal radiatore, l'Opel, condotta da una donna sulla cinquantina, dopo qualche minuto di esitazione ha ingranato la prima e si dileguata nel traffico. Lievemente feriti il conducente e il passeggero della Peugeot che sono stati medicati al locale pronto soccorso. Alcuni indizi al vaglio degli agenti della Municipale fanno ben sperare su una rapida risoluzione della vicenda. E' stato invece rintracciato a poche ore dal sinistro, il conducente di un furgone che alle 18.00 di martedì 16 gennaio è stato coinvolto in un sinistro, con soli danni alle vetture, in via Newton all'altezza dell'intersezione con via Palladio. In questo caso l'uomo alla guida, un cinquantenne residente in città, si era allontanato senza fornire le proprie generalità dopo un diverbio con la controparte. Gli uomini di via Brigata Reggio sono risaliti al mezzo, e di conseguenza al conducente, grazie a un numero di targa parziale annotato da un testimone. L'abitudine, purtroppo ancora oggi diffusa, di darsi alla fuga dopo un incidente sta avendo vita sempre più difficile. Sempre meno son i conducenti che riescono a farla franca. Le nuove tecnologie e la frequente presenza di telecamere che riprendono, anche parzialmente, la strade forniscono agli agenti della Municipale preziosi indizi per poter rintracciare i mezzi in fuga. Nel solo 2016 su poco più di 30 sinistri stradali con fuga ben 23 sono le vetture rintracciate. Una decina invece le vetture coinvolte in incidenti stradali, con soli danni materiali, che sono riuscite a sfuggire alle indagini degli agenti. Gli agenti che, pazientemente, seguono le tracce di un mezzo che si è dato alla fuga ricostruiscono un puzzle mettendo a confronto le eventuali testimonianze, le riprese delle telecamere sul precorso e il raffronto fra i dati grazie all'utilizzo degli archivi elettronici del Ministero dei Trasporti.

 




Data di ultima modifica 19/01/2017