Chi siamo
31/12/2018

Offre merce contraffatta a due agenti fuori servizio, denunciato venditore abusivo

 

Era entrato all’interno di un bar in via Fratelli Cervi con l’intento di abbordare i clienti e rifilargli imitazioni di giacconi e maglioni di brand famosi, ma si è imbattuto in due agenti fuori servizio appartenenti alla polizia locale di Reggio Emilia. L’azzardo è costato una denuncia a un 41enne di origini marocchine che nel primo pomeriggio di ieri, giovedì 28 dicembre, è stato fermato da due operatori di Polizia locale in forza al nucleo della Circoscrizione Sud-Ovest. La merce, oltre venti capi d’abbigliamento fra cui piumini, maglioni e felpe che riproducevano capi di moda con tanto di marchi contraffatti, sono stati sequestrati dagli operatori di via Brigata Reggio. Poco prima delle 15.00 dello scorso giovedì due agenti di Polizia locale, amici e colleghi da molti anni, decidono d’incontrarsi prima del lavoro, per un caffè e lo scambio d’auguri, in bar a poche centinaia di metri dagli uffici di via Fratelli Cervi. Mentre, ancora in abiti borghesi i due sorseggiano il caffè, un uomo con una grande quantità di sacchi tra le braccia fa il suo ingresso nel locale e cerca di avvicinare i clienti. Con fare circospetto la persona mostra ai clienti numerosi piumini, maglioni e felpe, a suo dire di marca, cercando di venderli “a buon prezzo”. A quel punto gli agenti entrano in azione, si qualificano e fermano il venditore per aver chiarimenti in merito alla merce e alle autorizzazioni per il commercio in forma itinerante. Messo alle strette, il 41enne con regolare permesso di soggiorno residente fuori città, ha consegna i capi d’abbigliamento agli agenti, raggiunti anche da colleghi già in servizio grazie al coordinamento del Comando. Trasportato all’interno degli uffici di via Brigata Reggio, per gli accertamenti di rito, il 41enne è stato denunciato per vendita e possesso di merce con marchi mendaci. La mancanza delle regolari autorizzazioni per il commercio itinerante è invece costata all’uomo una sanzione amministrativa di oltre cinquemila euro, mentre i capi d’abbigliamento contraffatti trovati in suo possesso sono stati posti sotto sequestro.




Data di ultima modifica 31/12/2018