Comune di Reggio Emilia

Home Servizi al cittadino Tributi TASI - IMU IMU - Ravvedimento operoso per l’Imposta Municipale Propria

IMU - Ravvedimento operoso per l’Imposta Municipale Propria

Ultimo Aggiornamento: 04/06/2017

Nel caso in cui accada di dimenticarsi di versare l'IMU, il contribuente può versare tardivamente l'imposta dovuta applicando una sanzione ridotta e gli interessi moratori.
Per evitare che vengano applicate sanzioni piene per tali omissioni dal nostro Ufficio addetto al controllo, il contribuente che si accorge, prima che se ne accorga l'Ufficio, di non aver provveduto nei termini previsti dalla legge ad effettuare i pagamenti richiesti, può versare tardivamente l'imposta dovuta applicando una sanzione ridotta e gli interessi moratori.
Tale procedura si chiama "Ravvedimento Operoso".

Il "Ravvedimento Operoso" è regolato dall'articolo 13 del Decreto Legislativo n° 472/97 e successive modifiche ed integrazioni, con delibera ID n. 65/2016 del 18/04/2016 è stato integrato il Regolamento generale delle entrate tributarie del Comune inserendo l'articolo 9-bis, grazie al quale vengono estesi i termini di ravvedimento.

Riportiamo di seguito le modalità operative per effettuare il ravvedimento operoso relativamente alla omissione del versamento del tributo, in quanto risulta essere la più frequente, tenendo anche conto delle estensioni dei termini che verranno a breve adottate dal Comune.

Omesso versamento del tributo e sanzioni
Nel caso il Contribuente non abbia provveduto ad effettuare il versamento dell’IMU entro le scadenze previste, è possibile effettuare il versamento tardivo applicando all'imposta dovuta e non versata le sanzioni e gli interessi.

Se il versamento viene effettuato:
  • entro il quattordicesimo giorno dalla data di scadenza, la sanzione è pari al 0,1% (1/10 dell'1%) giornaliero per ogni giorno di ritardo. Ad esempio se la regolarizzazione avviene il quarto giorno la sanzione sarà pari a: 0,1% x 4 = 0,4%, se la regolarizzazione avviene il quattrodicesimo giorno la sanzione sarà pari a: 0,1% x 14 = 1,4%.
  • dal quindicesimo giorno dalla normale scadenza ed entro 30 giorni dalla stessa la sanzione è pari al 1,5% (1/10 del 15%).
  • oltre il trentesimo giorno dal termine fissato per il versamento ed entro 90 giorni dal medesimo termine la sanzione è pari al 1,67% (1/9 del 15%).
  • oltre il novantesimo giorno dal termine fissato per il versamento ed entro un anno dal medesimo termine la sanzione è pari al 3,75% (1/8 del 30%).
  • oltre un anno dal termine fissato per il versamento ed entro due anni dal medesimo termine la sanzione è pari al 4,29% (1/7 del 30%).
  • oltre due anni dal termine fissato per il versamento la sanzione è pari al 5% (1/6 del 30%).
Sull'imposta dovuta (al netto delle sanzioni) vanno poi calcolati gli interessi in funzione dei giorni intercorrenti tra il termine di legge entro cui doveva essere eseguito il versamento e la data in cui si esegue la regolarizzazione. Per il calcolo occorre tener conto delle seguenti percentuali d'interesse:
2,5% annuo dal 01/01/2012 al 31/12/2013
1% annuo dal 01/01/2014 al 31/12/2014
0,5% annuo dal 01/01/2015 al 31/12/2015
0,2% annuo a partire dal 01/01/2016
0,1% annuo a partire dal 01/01/2017

Per le ulteriori casistiche relative a ridotti od omessi versamenti in presenza di dichiarazione infedele od omessa si consiglia di consultare il modello di ravvedimento accessibile dalla presente scheda.

Il contribuente che intende sanare la violazione dovrà munirsi di un modello F24 o del bollettino postale per il versamento IMU e compilarlo secondo le istruzioni allegate al modello o al bollettino. E' ammesso il ravvedimento parziale.

Una volta effettuato il versamento tardivo occorre comunicare all'ufficio l'avvenuto pagamento a sanatoria, utilizzando l'apposito modello al quale dovrà essere allegata la fotocopia della ricevuta di versamento.

Al contribuente che pur avendo versato in ritardo l'imposta non ha effettuato il versamento comprensivo della sanzione ridotta e degli interessi, verrà inviato, nei termini di legge, un avviso di accertamento comprendente l'applicazione delle sanzioni intere e degli interessi maturati fino all'eseguito versamento.
Dove rivolgersi
Ufficio gestione tributi comunali
Indirizzo:Galleria Santa Maria, 1 42121 Reggio nell'Emilia  
Terzo Piano
Orario: Dal lunedì al venerdì dalla 9.00 alle 12.30
martedì dalle 15.00 alle 17.00
giovedì pomeriggio si riceve solo per appuntamento
Tel:numero verde tributi: 800506828
0522456968; 0522456839;
Fax:0522 456972
E-mail: gestione.tributi@municipio.re.it