Comune di Reggio Emilia

Home InnovaRE - Innovazione sociale e smart...Genitori connessi

Genitori connessi

Ultimo Aggiornamento: 07/18/2017

Sulla scia del favorevole riscontro ottenuto nell’anno scolastico 2015/2016 del progetto sperimentale “Genitori Connessi” , il percorso di Academy che è stato voluto e sostenuto all’interno del programma di lavoro del Comune di Reggio Emilia di promozione ed educazione ai diritti di cittadinanza digitale, si vuole pensare e progettare un percorso che possa ampliare a più cittadini e genitori l’opportunità di partecipazione attraverso l'innovazione tecnologica. L’obiettivo dell’amministrazione comunale di Reggio Emilia è quello di poter coinvolgere tutti i cittadini, genitori di tutti e 12 gli Istituti Comprensivi del comune di Reggio Emilia.

Il progetto “Genitori Connessi – seconda edizione” mira nello specifico ad aumentare le consapevolezze di genitori ed operatori sul tema dei linguaggi e strumenti digitali, anche al fine di governarli per scopi educativi , rispettivamente in casa e presso i servizi educativi.
L'obiettivo di fondo è quello di formare gli insegnanti e le famiglie a un utilizzo pieno e consapevole delle nuove tecnologie introducendole nella 'normalità' della propria vita. Si tratta cioè di formare gli adulti a supportare i loro figli nell’acquisire una cittadinanza digitale consapevole e critica.

Le scuole coinvolte
L'IC comprensivo Galelei ha svolto la formazione “pilota” della prima edizione nei prossimi due anni verranno coinvolti i restanti 11 Istituti comprensivi
Nell'anno scolastico 2016/2017 verranno coinvolte le scuole primarie degli Istituti Kennedy, Lepido, Da Vinci, Pertini 1 e Pertini 2 gli altri 6 Comprensivi saranno coinvolti nell'a.s. 2017/18.
Il percorso formativo sarà rivolto ad un gruppo di 50/60 genitori per ciascun Istitutio Comprensivo di Reggio Emilia assieme a 2/3 animatori digitali che, durante la visione dei video di formazione a distanza, fungeranno da facilitatori dell’ iter formativo per migliorare la relazione bambino-tecnologia- genitore.
Ogni gruppo di genitori, suddiviso per Istituto Comprensivo di appartenenza, frequenterà quattro incontri formativi di circa due ore e mezzo l’uno, programmati nell’arco del primo trimestre del 2017 sulla base delle adesioni raccolte nel periodo novembre-dicembre 2016.

Percorso formativo
Prima edizione
A marzo 2016 è stato realizzato un percorso formativo di tre appuntamenti, rivolto ad un gruppo di circa 100 genitori. Il percorso di formazione mira nello specifico ad aumentare le consapevolezze di genitori ed operatori sul tema dei linguaggi e strumenti digitali, anche al fine di governarli per scopi educativi, rispettivamente in casa e presso i servizi educativi.

Seconda edizione
Il percorso formativo è rivolto ad un gruppo di 80 genitori - per istituto comprensivo - con figli frequentanti gli istituti Comprensivi di Reggio Emilia assieme a 2/3 animatori digitali che, durante la visione dei video di formazione a distanza, fungeranno da facilitatori dell’ iter formativo per migliorare la relazione bambino-tecnologia- genitore.
I genitori partecipanti possono essere individuati da parte del Comune di Reggio Emilia (Officina Educativa) in collaborazione con gli Istituti Comprensivi presenti nel comune di Reggio Emilia.
L'obiettivo di fondo è quello di formare gli insegnanti e le famiglie a un utilizzo pieno e consapevole delle nuove tecnologie introducendole nella 'normalità' della propria vita. Si tratta cioè di formare gli adulti a supportare i loro figli nell’acquisire una cittadinanza digitale consapevole e critica.

I formatori
La novità di quest'anno riguarda la modalità formativa.
Saranno identificati dei tutor digitali che, opportunamente formati, assiteranno i genitori coinvolti nel percorso nella formazione.
Il percorso prevede una prima formazione a 25 persone, che saranno poi a loro volta i facilitatori e mediatori nelle serate dedicate alla formazione delle famiglie all’interno dei diversi plessi scolastici.
In questa formazione saranno approfonditi i seguenti temi trasversali, oltre ovviamente ai contenuti del progetto:
  • comunicazione e la gestione dei gruppi
  • comunicare in ambiente digitale
  • come orientarsi e gestire una piattaforma digitale
  • contenuti sui nuovi linguaggi digitali
  • laboratori sperimentali sulla gestione dei materiali on-line da condividere nelle serate con i genitori
  • utilizzo della piattaforma di E-learning dell'università di Modena e Reggio Emilia
I tutor saranno composti da:
- personale di Officina educativa e delle cooperative che gestiscono per l'ente i servizi nelle scuole
- insegnanti degli Istituti comprensivi, scelti dai dirigenti scolastici
- cittadini volontari, selezionati fra i partecipanti ai Laboratori di Innovazione

Le novità nel percorso
Oltre alle lezioni in presenza, sarà possibile frequentare Genitori Conessi anche in modalità e-learning, grazie alla piattaforma di e-learning messa a disposizione da Unimore
Il percorso è stato presentato alla cittadinanza con un convegno pubblico a febbraio 2017.
Gli incontri dedicati ai genitori sono 3. Si svolgono la sera e hanno la durata di circa due ore.

Gli attori coinvolti
Comune di Reggio Emilia
Reggio Emilia è una città che, per vocazione, mette le persone e i loro bisogni al centro del progetto di comunità. Storicamente attenta al welfare come strumento di riequilibrio delle disuguaglianze, oggi lavora a un innovativo welfare di comunità in cui la responsabilità sociale è diffusa. Promuove e sviluppa il progetto, su input e collaborazione degli assessorati di Agenda digitale, partecipazione e cura dei quartieri, e di Educazione e conoscenza.
Ruolo nel progetto: Promotore e capofila
Responsabilità: Promozione e comunicazione istituzionale, individuazione target e “osservatori/ volontari digitali”, sviluppo sinergie con altre iniziative, ricerca fonti di finanziamento/sponsorizzazioni, realizzazione progetto.

Coopselios
Coopselios è una Cooperativa Sociale che ha “lo scopo di perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini attraverso la gestione dei servizi sociosanitari ed educativi ”. Coopselios è un soggetto del welfare community in grado di offrire a Istituzioni pubbliche e privati soluzioni avanzate ai bisogni socio-assistenziali, sanitari ed educativi.
Ruolo nel progetto: partner organizzativo.
Responsabilità: progettazione e supervisione tecnico-scientifica delle attività di Academy, selezione e coordinamento dei docenti, documentazione finale, comunicazione e diffusione dei risultati verso i propri stakeholder.

Centro E-learning, Ateneo di Modena e Reggio Emilia
Il Centro E-learning/ Edunova di Ateneo, CEA, è il centro che coordina i servizi e  le attività e-learning dell'Università di Modena e Reggio Emilia. Il CEA ha acquisito negli anni esperienze e professionalità in ambiti strettamente correlati all' e-learning e alla formazione a distanza, ma anche nell'utilizzo delle moderne tecnologie multimediali per comunicazione e videocomunicazione, supporto organizzativo e tecnologico per la gestione di eventi, in particolare congressi, mostre e percorsi espositivi. Il Centro E-learning/Edunova mette a disposizione la vastissima rete di conoscenze e privilegiati rapporti nazionali e internazionali, sia con rappresentanti del mondo della cultura che con enti, istituzioni e associazioni per ottimizzare la realizzazione di ogni attività culturale e sociale, al fine di ottenere la migliore realizzazione possibile di ogni evento.

Ruolo nel progetto: aver creato e creare delle lezioni attraverso la modalità e-learning e formazione a distanza, comunicazione e multimedialità, riprese video, mettere a disposizione del progetto una piattaforma, EduOpen.eu, creata per offrire dei corsi formativi di alta qualità a distanza, cioè i cosiddetti MOOC (Massive open online course). Tutti i corsi offerti da EduOpen sono tenuti da docenti universitari e prodotti dalle università italiane aderenti al progetto.

I docenti
Paolo Ferri è professore associato dell’Università degli studi Milano Bicocca - Dipartimento di scienze umane - e insegna “Teoria e tecniche dei nuovi media” al corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria. Nella sua ampia attività di ricerca e scientifica si occupa di tecnologie didattiche e teoria e tecniche dei nuovi media digitali. Ha approfondito in particolare i temi della didattica digitale e della formazione, scolastica e non, e le problematiche del rapporto tra tecnologie digitali, scienze della formazione e scienze sociali. Ha approfondito inoltre le nuove modalità ipermediali di trasmissione dei saperi sia da un punto di vista epistemologico che da un punto di vista tecnologico; ha affrontato soprattutto la tematica dei “nativi digitali” e degli “immigranti digitali”, cioè la problematica dei nuovi stili cognitivi e comunicativi che caratterizzano l’appropriazione mediale dei bambini e dei pre-adolescenti.

Stefano Moriggi è un filosofo della scienza e ha scritto “Connessi – Beati quelli che sapranno pensare con le macchine” (edizioni san Paolo). “Connessi” un po’ di indicazioni le dà, quando parla di scuola – Moriggi di scuola ha scritto in altri suoi libri di successo. Qui ci parla del sogno “pre-digitale” della scuola non trasmissiva (fine della “lecture” cattedratica anche nel luogo nativo del concetto di cattedra) che, sola, può produrre il pensiero critico. E fa bene perché “quando si arriva all’università è già tardi”. Per far cosa? Non per avere una montagna di nozioni, ma per saper distinguere, per saper capire, approfondire, saper leggere ciò che si ha davanti. Ma per saper dove mettere i piedi del proprio cammino di conoscenza.

Tommaso Minerva (docente della seconda edizione) è direttore del centro e- learning dell'Università degli Studi di Modena e Reggio, coordinatore della piattaforma Eduopen, presidente della società italiana di e-learning. Si è laureato in Fisica presso l´Università di Modena e ha conseguito un Dottorato di ricerca in Fisica presso il consorzio universitario tra le Università di Parma e di Modena. Nel periodo '92-'94 ha svolto attività di ricerca, in qualità di visiting scientist, presso i Laboratori di ricerca Ibm di Almaden a San Jose (California) e presso il Cecam (Centro europeo di Calcolo atomico e molecolare) di Parigi. Dal 2002 è professore associato di Statistica alla Facoltà di Scienze della Comunicazione. Attualmente è coordinatore della laurea online in Comunicazione e Marketing e presidente della Commissione Informatica della Facoltà di Scienze della Comunicazione e membro della Commissione di Ateneo sull´E-learning. La sua attività di ricerca si focalizza, principalmente, sui sistemi di intelligenza artificiale e di data mining applicati alla creazione di modelli statistici per la previsione. Si occupa anche di modellizzazione stocastica di sistemi complessi. È membro della Società italiana di Statistica, del Comitato scientifico di Free international Airport e senior advisor di Complexica.