Comune di Reggio Emilia

Home MobilitàStati generali della bicicletta e della mobilità nuova

Stati generali della bicicletta e della mobilità nuova

Ultimo Aggiornamento: 10/09/2014

Si sono svolti a Reggio Emilia, il 5 e il 6 ottobre 2012 gli Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità nuova (SGB 2012): un momento importante di confronto e lavoro per dar forma insieme a proposte concrete e vincolanti a favore di una mobilità più sicura e sostenibile nelle città.

Perchè a Reggio Emilia

Stati generali della bicicletta e della mobilità nuovaL’Amministrazione Comunale si impegna già da anni, tramite appositi strumenti di programmazione previsti nel Piano Urbano Mobilità (Pum), ad aiutare i cittadini nel praticare una mobilità diversa, più sostenibile dal punto di vista ambientale. Reggio Emilia è la città della bicicletta perché è oggi in vetta alle classifiche nazionali per la rete dei 180,7 km di piste ciclabili (1,053 km pro capite) permettendo così un utilizzo della bicicletta che supera il 20% del totale della mobilità urbana; la città vanta poi oltre il 60% dei trasporti casa-scuola su bici, su mezzi pubblici, a piedi e con il car pooling.

Tra le eccellenze che contraddistinguono Reggio Emilia vi sono diverse iniziative legate alla mobilità ciclabile:
  • Zona 30 del Centro Storico
  • Segnaletica di indirizzamento
  • Parcheggi per le bici
  • Bike Sharing
  • Parcheggi per le bici
  • Ufficio Mobilità Ciclabile
Inoltre, nell'aprile 2009 il Comune di Reggio Emilia ha promosso il "Manifesto per una mobilità sicura, sostenibile e autonoma nei percorsi casa-scuola" per coinvolgere diversi soggetti locali in un piano condiviso e per sviluppare linee di azione, progetti e impegni sul tema. Il Manifesto prevede l’attivazione di vari progetti, tra i quali:
  • "A Reggio Emilia andiamo a scuola in BiciBus e PediBus"
  • Mobility Manager scolastico
Incentivare e rendere più facile e sicuro l’uso della bicicletta è un compito fondamentale del Comune di Reggio Emilia e il Bici Plan è uno degli strumenti con cui prova a farlo: attraverso la realizzazione di una Rete Ciclabile Strategica intende rispondere alla necessità di difendere e di diffondere l'utilizzo della bicicletta quale mezzo di trasporto primario.
Ma Reggio Emilia è una realtà in movimento e, per muoversi, rigorosamente in modo sostenibile non abbandonando mai la vocazione ciclistica che la accompagna, ha deciso di scommettere già da anni anche sull’esperienza elettrica.

Reggio Emilia, città elettrica

Reggio Emilia promuove e diffonde l’uso dell’auto elettrica non come progetto sperimentale, ma come esperienza quotidiana basata sul concetto di uso normale e continuativo del veicolo attraverso azioni concrete quali, ad esempio, sosta gratuita negli stalli blu dei parcheggi e accesso 24h su 24 in Ztl.
Ad oggi, i 379 veicoli elettrici circolanti a Reggio Emilia, suddivisi nelle diverse flotte, dimostrano l’elevato gradimento di questa esperienza in città: la flotta stessa delle Amministrazioni Pubbliche (Comune e Provincia) conta 81 veicoli, quella delle Farmacie Comunali Riunite, quale realtà di azienda pubblica, ne conta 94, oltre ai 9 veicoli elettrici in dotazione a privati e ad ulteriori circolanti per conto di aziende (commercianti e artigiani - 149+7 bimodali) e come noleggio giornaliero a breve termine (16+23 bimodali).

L’approccio e i criteri fondamentali adottati dalla nostra Amministrazione Comunale sono, quindi, gli stessi che ispirano e promuovono gli “Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità Nuova”: anche Reggio Emilia vuole fare la propria parte nella campagna #salvaiciclisti per il miglioramento della sicurezza dei ciclisti nella sua città.
Gli “Stati Generali della Bicicletta e della Mobilità Nuova” di Reggio Emilia daranno, quindi, un fondamentale contributo per conseguire questo obiettivo: con la convocazione degli Stati Generali intendiamo cambiare la mobilità del nostro paese.

Comitato scientifico

Il Comitato Scientifico ha avuto il ruolo di supervisione dei lavori dei Gruppi e di validazione dei risultati degli stessi.
Composizione del comitato:
  • Maria Berrini, architetto, presidente dell’Agenzia Mobilità Ambiente e Territorio (Amat) del Comune di Milano, ricercatrice in materia di pianificazione ambientale e territoriale;
  • Matteo Dondè, architetto, esperto in pianificazione della mobilità ciclistica, moderazione del traffico e riqualificazione degli spazi pubblici;
  • Edoardo Galatola, ingegnere, ricercatore ed esperto in sicurezza stradale e ambientale, responsabile Sicurezza di Fiab;
  • Maria Rosa Vittadini, docente di Tecniche di analisi urbane e territoriali presso la facoltà di Architettura, Dipartimento di Pianificazione del territorio, Università Iuav di Venezia.
Organizzatori
  • Comune di Reggio nell'Emilia
  • ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
  • Legambiente
  • FiabFIAB
  • #salvaiciclisti
Gadget

I gadget si possono acquistare allo IAT - Informazioni e accoglienza turistica (Via Farini 1/A):
  • shopper in tela: 1,50 euro
  • spilla: 2 euro
  • coprisella 2,50 euro
  • campanello: 3 euro
Galleria fotografica



Videogallery