Comune di Reggio Emilia

HomePiazzale Europa, la riqualificazione

Piazzale Europa, la riqualificazione

Ultimo Aggiornamento: 05/24/2016

ProgettoI lavori del primo stralcio di riqualificazione di piazzale Europa segnano un passaggio importante nella realizzazione del Programma di rigenerazione urbana (Pru) dell'area Reggiane.

L'appalto per la riqualificazione di piazzale Europa, aggiudicato alla ditta Nial Nizzoli srl di Correggio con un importo contrattuale di circa 1.330.000 euro, prevede la riorganizzazione delle aree di parcheggio e della viabilità, il potenziamento del sistema dell'illuminazione pubblica e di videosorveglianza, opere per la creazione di aree pubbliche (verdi ed attrezzate) integrate con il quartiere, con la stazione ferroviaria centrale e con l'intervento di riqualificazione nell'area delle Reggiane.

I lavori sono organizzati in modo tale da consentire il funzionamento dell'attuale area di parcheggio, che durante tutte le fasi di cantiere, anche se interessata da interventi, rimarrà in funzione con una dotazione di stalli di sosta sostanzialmente invariata.

progettoPunti chiave: connessioni, sicurezza, vivibilità – la riqualificazione di piazzale europa riguarda un'area – soggetta a interventi che, suddivisi tra primo e secondo stralcio, proseguiranno per tutto il 2017 - in realtà più ampia dell'attuale parcheggio, comprendendo anche terreni limitrofi acquisiti nell'ambito del programma di rigenerazione urbana.
Il collegamento tra l'area Reggiane, il quartiere Santa Croce e la città, nonché la vivibilità, la percorribilità e la sicurezza sono i punti chiave, gli obiettivi prioritari del progetto.
Accanto ai servizi di mobilità – l'autostazione e il parcheggio per auto private, che manterrà tutte le sue attuali potenzialità - saranno introdotte nuove vocazioni e nuove funzioni che faranno del piazzale una vera e propria piazza, un luogo accogliente, con un'identità definita a disposizione della comunità anche per attività ricreative e di socialità, a servizio del quartiere di Santa Croce e del Parco innovazione, di cui la piazza sarà ingresso principale e punto di connessione fra le sue diverse parti e funzioni.
La nuova piazza, oltre a costituire di per sé elemento di qualità urbana, collegherà dunque fisicamente alla città il quartiere di Santa Croce, le infrastrutture dell'economia della conoscenza del Parco innovazione, il Tecnopolo e il Centro internazionale Malaguzzi.

progettoSanta Croce e Parco Innovazione - I lavori in piazzale Europa si inseriscono nel più ampio progetto di rigenerazione del comparto industriale, oggi dismesso, delle Officine Reggiane, avviato con la realizzazione del Tecnopolo (nel Capannone 19, riqualificato e consegnato alla città nell'ottobre 2013) e proseguito con le consistenti azioni di bonifica di edifici e terreni, con la messa in sicurezza e la riqualificazione in corso dei Capannoni 17 e 18 - strutture che, insieme con lo stesso Tecnopolo e il Centro internazionale Malaguzzi, saranno parte del Parco innovazione - e con la riapertura del braccio storico di viale Ramazzini.

Piazzale Europa: il progetto – il progetto per il nuovo piazzale europa individua due aree funzionali all'interno della zona oggetto di intervento:
- la prima, a nord, corrisponde allo spazio pubblico antistante il Centro internazionale Malaguzzi e la villa ex Omi;
- la seconda, a sud, comprende la zona di parcheggio, aree verdi e percorsi ciclopedonali.
Si realizza un paesaggio urbano nuovo sul piano dei materiali utilizzati, delle tecnologie e degli arredi, adeguatamente illuminato, che si inserisce armoniosamente nel contesto del quartiere.
La successione di percorsi carrabili e ciclopedonali, che saranno tutti a livello del suolo, evitando sottopassi e trincee isolati e poco illuminati, e delle aree verdi caratterizza entrambi i settori di intervento.
Le sistemazioni “a verde” delle aiuole tra le linee di parcheggio è effettuata con una “movimentazione altimetrica” (lievi ondulazioni) del terreno e con la piantumazione di quinte arboree che dovranno dare l'impressione di quinte boscate.
L'illuminazione pubblica è costituita principalmente da un sistema di “tesate” (cavi tesi fissati a pali in acciaio di testa con uno o due bracci), su cui sono agganciati i corpi illuminanti sospesi.
Il tracciato disegnato dalla trama dei cavi e dei corpi illuminanti combacia e sottolinea, illuminandolo, il disegno dei parcheggi e delle zone a verde.
Buona parte del progetto riguarderà appunto la riqualificazione di nuove aree limitrofe all'attuale parcheggio, allo scopo di ottenere la sua ricucitura fisica e funzionale con il quartiere e il sistemna città.

progettoPiazzale Europa: primi interventi e viabilità - i lavori in partenza lunedì 23 maggio hanno una durata prevista di circa un anno, si svolgono in fasi progressive per ridurre i disagi e sono volti a rendere in questa prima fase più funzionale e razionale la viabilità, con la realizzazione di una nuova rotatoria di collegamento tra viale ramazzini (tratto storico a est, destinato alla riapertura) e via agosti e la chiusura dei tratti “in trincea” dell'attuale percorso ciclabile che attraversa centralmente il piazzale.
Inizialmente, viene modificata la viabilità carrabile di accesso al piazzale da nord e si procede con l'intervento sul sottopasso ciclopedonale, prevedendo per ciclisti e pedoni un percorso alternativo.
Questi lavori, insieme con il nuovo parcheggio a est, entrano nel vivo durante l'estate con il cantieramento di tutto il lato est del piazzale. Contemporaneamente viene messo a disposizione un parcheggio temporaneo per circa 300 posti auto, creato nel vasto piazzale tra il Tecnopolo e il Capannone 15, per sopperire alla riduzione dei posti auto interessati dal cantiere.

Secondo stralcio - la riqualificazione di piazzale europa prevede poi un secondo stralcio di lavori con il completamento della parte a sud, confinante con la ferrovia, ora in corso di progettazione.
Con il secondo stralcio viene completato il sistema delle connessioni con la città nord-sud, prevedendo il collegamento con il sottopasso centrale della stazione ferroviaria di piazzale Marconi e la riqualificazione del sottopasso ciclopedonale con percorsi in quota.