Art-re festival porta musica, teatro e danza a Parco Nilde Iotti

Data di pubblicazione: 19/09/2017
Art-re festival porta musica, teatro e danza a Parco Nilde Iotti

Quattro giorni di musica, teatro, danza e attività culturali per vivere il parco Nilde Iotti (ex parco Ottavi) di Reggio Emilia e farne un polo culturale e ricreativo a disposizione di tutta la città. Prende il via giovedì 21 settembre l'Art-Re festival, l'evento in programma fino al 24 settembre, organizzato da Comune di Reggio Emilia e Pmi – Professional Music Institute con la direzione artistica di Chicco Montisano. Il festival è finanziato attraverso il bando Restate 2017 dello stesso Comune e si inserisce all'interno del Laboratorio urbano del parco Nilde Iotti, il percorso partecipato per la rigenerazione e la rivitalizzazione dell'area verde, realizzato nell'ambito del progetto Qua-Il quartiere bene comune.

“Si tratta di un'iniziativa caratterizzata da una programmazione di qualità che coinvolge artisti di calibro e che è stata costruita seguendo la dimensione del 'noi', ovvero riuscendo a coinvolgere in maniera corale il territorio, tra artisti, ristoratori, volontari e collaboratori – ha detto stamane l'assessora a Partecipazione e cura dei quartieri Valeria Montanari illustrando il festival – L'evento è legato alla storia del parco, un parco che il recente percorso partecipativo ha voluto rendere spazio capace di ospitare molteplici funzioni tra cui quella dell'intrattenimento e della socialità”.

Alla presentazione sono intervenuti anche Chicco Montisano, direttore artistico del festival, e gli artisti Mara Redeghieri, Francesco Gualerzi e Paolo D'Errico. Presente anche Simone De Feo della gelateria Capolinea.

Il programma

Musica, improvvisazione, danza, street food e molto altro ancora: il programma dei quattro giorni dell'Art-Re Festival, a ingresso libero, abbraccia tanti ambiti per una proposta culturale di qualità e adatta a pubblici diversi.

Larghissimo spazio sarà dedicato alla musica, con oltre 150 musicisti che si alterneranno sul palco del festival, tra cui la reggiana Mara Redeghieri, voce storica degli Ustmamò che presenterà in anteprima il nuovo album solista “Recidiva” (sabato 23 settembre); 'Little Taver & His Crazy Alligator' insieme ad Aldo Piazza, ossia Ape Regina drag queen (venerdì 22 settembre); l'Officina del Battagliero, reduce da una stagione di sold out in tutti i teatri della provincia (giovedì 21 settembre), e Caio Chagas Quintet, che suonerà dal vivo il disco 'Comprei um sofà', in playlist su Rai Radio 1 per tutta l’estate 2017.

Ci sarà il jazz, con la Jazz Art Orchestr, tra le migliori big band italiane, diretta da Carlo Gelmini con ospiti Ellade Bandini e Max Furian, batterista storico di musicisti del calibro di Mina, De Andrè, Zucchero, Battiato, Conte e Zero.

Non mancheranno i solisti di livello internazionale come il saxofonista Mattia Cigalini e il trombettista Andrea Tofanelli, il cantante soul Filippo Perbellini, reduce da Los Angeles dove ha terminato il nuovo album e due video di produzione americana che usciranno presto in tutto il mondo. Tanti concerti di diversi generi musicali, con un ampio spazio dedicato ai talenti reggiani, tra cui la PMI Big Band con alla voce i due giovanissimi talenti di appena 12 anni Emma Trivini e Riccardo Mazzi. Ci sarà infine uno spazio dedicato alla musica indipendente con i romani Wogiagia e i Chamaleon Mime (2 tour in tutta Europa) e allo swing con i Swing Era Legacy.

Musica ma non solo: all'Art-Re Festival ci sarà anche il teatro, grazie alla collaborazione con Improgramelot, e la danza, con Gea Ss.. Ogni giorno, inoltre, sono previsti momenti più didattici dedicati a chi vuole avvicinarsi al mondo della musica, con laboratori e workshop a tema. Inoltre sono in programma ulteriori laboratori di improvvisazione teatrale e di danza, e due presentazioni di libri d’esordio di altrettanti scrittori reggiani: giovedì 21 'Mio papà si mette i tacchi' di Paolo D’Errico, e venerdì 22 'Qui dentro ci sei tu' di Sandra Sandy.

Sarà inoltre presente un'area riservata all'arte del cibo con i food truck di alcuni tra i migliori produttori del territorio, e un angolo dedicato alla birra artigianale. Sempre in tema di cibo di qualità, sarà possibile prendere parte allo show cooking “Il gelato incontra la pasticceria” a cura di Simone De Feo, pluripremiato artista del gelato artigianale della Cremeria Capolinea, ai primi posti tra le migliori gelaterie d’Italia, e Naausica Viani, protagonista del programma “Il più grande pasticcere” Rai 2.

Ad accendere un'atmosfera già affascinante, ci saranno infine percussionisti africani e brasiliani, artisti di strada, giocolieri, trampolieri e acrobati.

Per i più piccoli non mancheranno il Truccabimbi, i cantastorie, giochi e attività didattiche e ricreative. Grazie alla collaborazione con le associazioni del quartiere sono inoltre in programma visite guidate al parco e al vicino orto urbano del centro sociale orologio.

Uno spazio sarà infine dedicato alla presentazione di prodotti innovativi hi-tec per musicisti (basso, sax, tromba e trombone) e al mercatino di libri, dischi, cd, oggettistica e abbigliamento vintage, etnico, prodotti bio.

I diversi momenti del festival saranno immortalati dai 20 fotografi del “Collettivo 20 Luglio” e ripresi da giovani videomaker e blogger che documenteranno gli eventi per realizzare un cortometraggio.

Tutti i concerti, gli spettacoli, i corsi e i laboratori sono gratuiti e garantiti anche in caso di pioggia.

Il percorso partecipato e l'esempio regionale

L'Art-Re Festival rappresenta la prima iniziativa di questo genere promossa all'interno del parco Nilde Iotti, l'area verde di oltre 16 ettari inserita tra gli abitati di Orologio, Roncina e Pieve Modolena, e nasce dai suggerimenti e dalle proposte dei cittadini, raccolti durante il Laboratorio urbano promosso dal Comune di Reggio nei mesi scorsi. Il percorso di progettazione partecipata – cofinanziato dalla Regione Emilia-Romagna – si è concluso lo scorso 5 luglio con la firma dell'Accordo di cittadinanza, contenenti idee e progetti di lavoro per rendere il parco un luogo più vivo, più sicuro e più vissuto, dotato di un'identità propria.

Tra le idee emerse dal percorso partecipato vi era proprio quella di organizzare un festival all'interno dell'area: successivamente, il Comune di Reggio Emilia ha provveduto ad affidare e cofinanziare il progetto tramite una sezione specifica del Bando Restate 2017, per un importo complessivo di 25 mila euro.

La qualità del percorso intrapreso dall'Amministrazione comunale di Reggio Emilia sul parco Nilde Iotti è stata riconosciuta dalla Regione Emilia-Romagna come una tra le migliori iniziative di rigenerazione urbana e partecipazione: per questo, l'esperienza è stata inserita nel percorso di ascolto per la raccolta di suggerimenti e istanze propedeutici alla modifica della legge regionale 3 del 2010 sulla partecipazione.